giovedì 26 novembre 2015

Calendari dell'Avvento Beauty

Quando ero piccola nel periodo natalizio ricevevo il Calendario dell'Avvento. In genere aveva delle frasi racchiuse dietro ogni casellina, alle volte c'era un disegno ma il mio preferito era quello con i cioccolatini. Da qualche anno spopolano Calendari dell'Avvento più lussuosi dedicati al mondo beauty.
Non hanno certo il prezzo di un calendario con i dolci ma dovete tener conto che dietro ogni casella trovate un prodotto di profumeria che sia make up oppure di skincare e quindi il valore è un altro.
Io li guardo sempre con tanto desiderio ma non mi sono mai decisa a comprarne uno.
In questo post voglio farvi conoscere quelli che sono usciti quest'anno. 
Se volete regalarli o regalarveli siete ancora in tempo..quasi!

L'Occitane (39 euro esaurito sul sito ma disponibile nelle Boutique)
Forse uno dei miei preferiti sia per la grafica sia perchè mi piace molto il brand e 
ritengo che il prezzo sia piuttosto basso per la quantità e qualità dei prodotti inseriti.

http://it.loccitane.com/

The Body Shop (75 euro)
24 prodotti che vanno dagli accessori e prodotti da bagno e make up.
Disponibile anche nella versione deluxe (100 euro) che però sul sito è andata a ruba.

http://www.the-body-shop.it/

Clarins (50 euro esaurito)
Anche questo era uno dei miei preferiti che purtroppo è andato quasi subito esaurito.
Da quanto ho capito e un prodotto venduto esclusivamente on line quindi complimenti a chi è riuscito ad acquistarlo ma comunque se vi interessa buttate un occhio nei corner o sul sito..non si sa mai che ritorni disponibile. All'interno 17 mini size e 6 miniature.

agg. 27.11.2015 il calendario è ritornato disponibile sul sito

http://www.clarins.it/

Un'alternativa ai calendari monobrand è quello che potete acquistare sul sito feelunique.com.
All'interno infatti trovate prodotti Nuxe, Phyto, Fleur de Force, Redken, Roger & Gallet..
"L'inconveniente" è che avete solo 12 caselline da aprire.

http://www.feelunique.com/

Jo Malone (260 sterline)
Di sicuro il più lussuoso e il più costoso.
Il prezzo giustifica le mini size contenute all'interno, dalle fragranze alle candele.
Di sicuro sarà un regalo ben gradito che potete trovare in alcune boutique del marchio.


Ciaté (59 euro)
Calendario dell'Avvento dedicato interamente alle mani con smalti e trattamenti. 
Lo trovate da Sephora.

http://www.sephora.it/

Benefit Cosmetics (49 euro)
Si chiama Party Poppers e contiene 12 prodotti tra quelli più famosi del brand.
Anche questo calendario è disponibile nei negozi Sephora (sul sito è esaurito).

http://www.sephora.it/

Fatemi sapere se qualcuna di voi ho preso qualcosa e se ne esistono anche altri.

martedì 24 novembre 2015

#5 Travel is Always BeautyFull : Monza

Forse non tutti sanno che il nome Monza, secondo una leggenda, deriverebbe da un sogno della Regina Teodolinda. Nel sogno una colomba le comunicava il luogo esatto in cui far sorgere la cattedrale (oggi S. Giovanni Battista) e dall'unione delle parole sentite in sogno Modo (qui) e Etiam (si) nacque Modoetia.

COME ARRIVARE
Arrivare a Monza in treno è veramente molto comodo: si evita di perdere tempo a cercare 
parcheggio e in più la stazione è a due passi dal centro.
Se decidete di arrivare in treno vi consiglio di fermarvi 5 minuti sul binario 1 per ammirare la saletta reale (aperta mar-gio-sab 15.30-17.00): la sala d'aspetto fatta realizzare da Umberto I di Savoia che utilizzava molto spesso il treno per i suoi spostamenti. 


Dalla stazione uscite in direzione Corso Milano.

LA CITTA'
Monza è bellissima da visitare. Ci si muove a piedi dalla stazione fino alla Villa Reale.
E' ricchissima di chiese, di mostre e di piazze concatenate tra loro.

COSA VEDERE ASSOLUTAMENTE

L'Arengario e Piazza Duomo
Siete nel cuore della città con quello che era il palazzo comunale, l'Arengario, e con la chiesa 
più importante, il Duomo.
Ai piedi dell'Arengario, tra i portici e la piazza Roma si è celebrata la Giornata Nazionale dell'Albero con 21 alberi che verranno poi collocati in spazi verdi all'interno della città.
Dal 4 settembre 2015 e fino al 6 gennaio 2016 l'Arengario e i Musei Civici ospitano una mostra 
su Chagall "La grafica del sogno" (qui per i dettagli).

Arengario

Anche Piazza Duomo è uno dei punti più belli della città.
La chiesa è dedicata a S. Giovanni Battista e presenta caratteristiche architettoniche ben diverse 
dalla Torre Campanaria aggiunta in epoca successiva. 
Facciata in marmo bianco e verde e interno riccamente affrescato. All'interno della Cappella Teodolinda viene conservata la corona ferrea di origine medievale, indossata da sovrani come Napoleone e Carlo Magno.

Piazza Duomo
Museo e Tesoro del Duomo di Monza

Villa Reale e il Parco
La Villa, progettata da Piermarini come residenza di campagna dei reali, oggi ospita mostre ed eventi culturali ed è possibile visitare gli appartamenti reali di Umberto I e della moglie Margherita di Savoia oltre che gli appartamenti privati, recentemente sistemati (qui per info e prenotazioni)
Fino al 10 gennaio 2016 è in programma la mostra Bellissima dedicata alla moda italiana dal dopoguerra al 1968.

Non perdetevi il roseto e i giardini della Villa oltre che il Parco, ideale per una 
passeggiata domenicale.

DOVE MANGIARE + NEGOZI

Pasticceria Il Dolce Cortile (Via Italia 23)
Specializzati in dolci ma soprattutto nella produzione di piccoli biscottini che sono 
una delizia da vedere e da regalare. 
La pasticceria si trova in un cortile interno di Corso Italia, la via principale.

Il Dolce Cortile

-Tearose Cafè (Piazza Duomo 4)
Locale bellissimo di fronte a S. Giovanni Battista. Ideale per la colazione, per un thè a metà pomeriggio, per l'aperitivo o per il brunch. Ottimo gusto nell'arredamento che dalla zona bar confluisce all'interno di un negozio di fiori. Posto unico che merita veramente una sosta.

- Dori (Via Passerini 7)
Trovate questo bar - pasticceria all'angolo tra la Via Passerini e la Via Martiri della Libertà.
E' un locale molto grande con diverse sale per pranzare, per fare un aperitivo o semplicemente per godersi un caffè con pasticcino. Se vi piacciono i locali moderni con una vasta scelta tra pasticceria e panetteria questo è il posto che fa per voi.
Tenete gli occhi aperti perchè vi potrà capitare di vedere qualche vip varcare la soglia.

Dori

- Paticceria Bona (Via Martiri della Libertà 2A)
E' una delle pasticcerie autorizzate che producono il Pan Tramvai (vedere capitolo Curiosità).
Il posto è tranquillo e c'è la possibilità di sedersi e bere un caffè.

Pan Tramvai

- Drawing Room (Via Zucchi)
Se cercate un posticino carino per la pausa pranzo vi consiglio questo locale che offre primi,
 secondi, panini, piadine e focacce a un prezzo molto contenuto.
L'atmosfera è molto rilassante e sembra proprio di essere a casa.

Drawing Room
Drawing Room

- Casa Maggi (Piazza Duomo)
Se siete in cerca di ispirazioni o avete voglia di fare un regalo molto gradito vi consiglio di 
entrare da Casa Maggi: negozio pienissimo di idee per la casa, dalle profumazioni ai cuscini 
alla biancheria.

Casa Maggi

CURIOSITA'
Il dolce tipico di Monza e della Brianza è il pan tramvai che è stato presentato anche all'Expo 2015. E' un pane dolce con uvette che ha una ricetta tutelata e che può essere arricchito anche con noci e fichi. C'è il Comitato dei Maestri Pasticceri della Brianza che ne controlla la produzione perchè il pan tramvai deve avere il giusto bilanciamento tra le componenti.
Se volete assaggiarlo potete recarvi in una delle pasticcerie autorizzate alla produzione 
(qui per l'elenco). 
E' un dolce semplice e gustoso che si può portare come spuntino fuori casa. Spesso veniva acquistato con il resto del biglietto del tram che collegava Milano con Monza ed è proprio da li 
che prende il suo nome.


Grazie a Silvia e Anna per la giornata insieme e per i consigli!


venerdì 20 novembre 2015

Photobox : per stampare le fotografie che più amate

Se fate tantissime foto che inevitabilmente restano sul computer perchè non sapete da chi farle stampare, se state cercando un'idea regalo alternativa o semplicemente se amate circondarvi di belle fotografie il servizio Photobox (qui) è ciò che fa per voi. Vi basterà scaricare l'app oppure andare sul sito e potete trasmettere le fotografie che volete stampare e vi verranno recapitate a casa. Le foto possono essere stampate in formato polaroid (e sono bellissime!) anche prendendole dal vostro profilo Instagram oppure nel formato classico con diverse misure.


Il procedimento è ben guidato e anche i prezzi sono piuttosto contenuti: per esempio 12 fotografie in formato polaroid, che vengono raccolte in una custodia magnetica, costano 9,95 euro (a cui dovete aggiungere le spese di spedizione).

La cosa bella è che potete stampare le vostre immagini anche su tazze, calendari, cuscini e cover per il cellulare oppure comporre dei fotolibri che saranno un bellissimo ricordo da sfogliare. Il procedimento è semplice (vi avvisa se la foto che state inserendo ha scarsa risoluzione) ma ci sono talmente tante idee e layout che sarà veramente difficile scegliere.

www.photobox.it

Una volta che avete composto le vostre immagini vi basterà ordinare e Photobox vi consegna 
il tutto tramite corriere per spedizioni express oppure con le poste per consegna standard. Controllate, al momento dell'ordine, i tempi di consegna che vanno dalle 24 ore ai 13 giorni a secondo di ciò che ordinate.

www.photobox.it

Giovedì mattina, ospiti di AD MIRABILIA, abbiamo scoperto e provato in prima persona come poter realizzare ciò di cui vi parlo. Abbiamo realizzato una tazza scegliendo un foto a noi preferita e inserendo anche una scritta su retro della tazza.
Non vedo l'ora di vedere il risultato!

Abbiamo visto anche degli esempi di prodotti realizzati e dal vivo la qualità è veramente ottima.
Il mio consiglio è comunque quello che controllare bene la risoluzione delle immagini che 
andate a stampare.

Tenete controllato il sito perchè ci sono anche codici sconto e promozioni.

giovedì 19 novembre 2015

L'Occitane_Pivoine Sublime CC Cream

E' tantissimo tempo che non uso fondotinta perchè ultimamente mi sono trovata bene 
con prodotti più leggeri ma che mi regalano quell'uniformità dell'incarnato che cerco.
Il prodotto che sto utilizzando in questo periodo è la CC Cream (30ml 26 euro) de L'Occitane.

Fa parte della linea Pivoine Sublime che si compone di prodotti per il viso, a base di estratto 
di peonia (brevettato), che hanno l'obbiettivo di perfezionare l'incarnato della pelle. 


Io ho scelto la colorazione Clair-Light ma trovate anche la versione più scura (Halée-Medium).
Ha una texture che si accorda con l'incarnato durante la stesura quindi la colorazione 
più chiara per la mie pelle è stata la scelta giusta. 
Ho comunque potuto provarle in boutique per esserne certa.


L'estratto di peonia si combina con pigmenti correttivi di origine minerale e particelle illuminanti che agiscono sulla pelle andando a uniformarne il tono e ad attenuare le discromie. Non pensate ad una coprenza totale perchè non si tratta di quel tipo di prodotto. L'effetto è molto naturale e fresco.

A tutto questo si aggiunge anche il fattore di protezione SPF 20 che protegge la pelle.

Appena prelevate il prodotto la colorazione è bianca con micro-puntini marroni. Questo non deve impaurirvi perchè la colorazione bianca svanisce man mano che massaggiate il prodotto. 
La CC Cream si trasforma e accorda la colorazione con quella della vostra pelle andando a migliorarla. L'effetto è quello di pelle naturale e sana.
La consistenza è leggera ma va ad idratare la pelle che rimane in ordine per tutta la giornata.
Il finish è opaco e fissato con una cipria rimane tale per tutta la giornata. 

CC Cream in fase di stesura
effetto finale

Io la applico con le mani e non ho trovato nessuna difficoltà: non fa strisce durante la stesura 
e non c'è bisogno di esagerare con la quantità. Si può applicare da sola oppure come base di un fondotinta se volete una maggior coprenza.

La profumazione è delicatissima e molto piacevole da sentire in fase di stesura.

E' veramente un ottimo prodotto!


martedì 17 novembre 2015

#4 Travel Is Always BeautyFull : Londra

Londra è una delle città in cui torno sempre volentieri e ci torno almeno una volta all'anno.
E' una città caotica ma di un caos ben organizzato e rispettoso, ha 12 linee della metropolitana (tube) e innumerevoli bus (double-decker), ha circa 21000 taxi neri (black cabs) che sfrecciano per le strade e circa 200 cabine telefoniche originali (telephone boxes) non più usate per lo scopo originario.

"Quando un uomo è stanco di Londra è stanco della vita perchè a Londra 
si trova tutto ciò che la vita può offrire" S. Johnson


COME ARRIVARE
Ci sono 4 aeroporti nella capitale : London Heathrow, London Gatwick, London Stansted e London Luton. Io ho viaggiato quasi sempre con Easyjet con partenza da Milano Malpensa e arrivo a London Gatwick.

Dall'aeroporto si può prendere la linea dei treni Southern (biglietto 15,30 sterline) che porta a London Victoria. In alternativa, per la stessa destinazione, c'è il treno Gatwick Express (biglietto (19,80 sterline). Entrambi i treni impiegano circa 40 minuti per raggiungere la città: la differenza è che il servizio Gatwick Express è diretto mentre la linea Southern fa un paio di fermate intermedie.
Io ho sempre scelto di arrivare a London Victoria ma i treni fermano anche in altri punti di Londra: valutate quindi voi dove vi è più comodo arrivare.
In alternativa ci sono anche pullman e taxi di cui però non ho esperienza.

nota: se viaggiate in più di 3 persone vi consiglio di valutare i trasporti con il Gatwick Express perchè potete pagare il biglietto il 50% in meno

COME SPOSTARSI
Appena arrivate a Londra andate in una stazione della metropolitana per fare la Oyster Card.
Vi sarà utile per caricare gli abbonamenti (giornalieri, settimanali o mensili) che pagherete a un prezzo convenzionato. La Oyster Card vi costa 5 sterline che vi verranno restituite se decidete di riconsegnarla a fine soggiorno. Vi faccio un esempio: io sono stata a Londra per 3 giorni e ho speso 25 sterline (5 sterline di caparra + 20 sterline per le travel card giornaliere). La travel card giornaliera, che vi consente di spostarvi illimitatamente su metro e bus, costa 6,40 sterline se possedete la Oyster Card (altrimenti 12 sterline). Tutti i soldi che vi rimangono sulla Oyster Card vi verranno restituiti insieme alla caparra al momento della riconsegna della tessera.
Al momento in cui decidete di acquistare gli abbonamenti fate attenzione alle zone della città in cui pensate di spostarvi. I prezzi che vi ho indicato sono validi per spostamenti nelle zone 1-2 
che sono le più centrali. 

In ogni stazione della metropolitana trovate la mappa in formato tascabile da portare con voi.

Nelle metropolitane la Oyster Card, o comunque il biglietto che farete, andrà fatto passare nei tornelli sia all'entrata che all'uscita. Fate attenzione ad appoggiare bene la carta sulla placca del tornello : negli orari di punta c'è sempre molta gente e i tornelli non fanno neanche in tempo a chiudersi. Il rischio è quello di passare dal tornello del passeggero precedente e risultare che non siete mai usciti dalla metropolitana. In questo caso al passaggio successivo vi applicano una sorta di multa.

Viaggiare con la metropolitana è sicuramente più veloce ma vi assicuro che prendere il bus a due piani è una bella esperienza (soprattutto se riuscite ad accaparrarvi i posti in prima fila al secondo piano).
Dovete mettere in conto il traffico ma avete modo di fare percorsi che probabilmente non fareste quindi se avete un po' di tempo concedetevelo!
Sul bus la Oyster Card andrà fatta passare solo al momento della salita.

LA CITTA'
Londra è una città grande ma in 5-7 giorni si riesce a vedere molto tenendo conto che si può girare anche a piedi. Le guide turistiche che ho consultato prima dei viaggi indicano molto bene tutto quello che c'è da vedere: ho deciso quindi di raccontarvi quello che io torno sempre a vedere e 
quello che più mi piace. 

Non sono mai stata fortunata con il tempo metereologico: spesso il cielo e nuvoloso e pioviggina oltre che esserci vento sul lungo Tamigi. Nei negozi e nella metro, in compenso, si muore di caldo in inverno quindi vestitevi a strati e ricordatevi ombrellino e sciarpa.

I musei sono quasi tutti gratuiti mentre per entrare nelle chiese spesso bisogna pagare.

COSA VEDERE ASSOLUTAMENTE

1. da Marble Arch a Kensington Palace
Una delle più belle passeggiate che vi posso consigliare è quella che parte da Marble Arch
attraversa Hyde Park e arriva fino a Kensington Palace - Kensington Garden.
E' una passeggiata piuttosto lunga, mettete in conto almeno una mattinata ma ne vale decisamente la pena. Il parco è una zona verde molto estesa e molto rilassante nonostante siate circondati da gente che corre e che fa ginnastica (invidia!).

Horse at Water e Marble Arch
Hyde Park

Costeggiate il lago Serpentine e arrivate fino al Diana Princess of Wales Memorial: una fontana inaugurata nel 2004 che per la sua forma ricorda una collana.
Arrivate fino al Lido e poi, sempre costeggiando il lago, entrate nei Kensington Garden.
Qui potete gironzolare tra i giardini all'italiana e il Round Pound, il laghetto di fronte a Kensington Palace, potete fotografare scoiattoli e bervi un caffè. Se avete bambini potete andare al Diana Memorial Playground, il parco giochi gratuito in cui gli adulti possono entrare solo se accompagnati dai bambini.

The Lido Café Bar - Hyde Park

E' obbligo cercare la statua di Peter Pan di George Frampton all'interno dei Kensington Garden.

Peter Pan - Kensington Garden

Una volta arrivati a Kensington Palace, che è possibile visitare, potete decidere se proseguire il vostro giro verso Notting Hill oppure verso il Royal Albert Hall, (Victoria and Albert Museum e Museo di Storia Naturale) e la zona di Knightsbridge dove c'è Harrods.

2. Covent Garden
Tappa fissa in qualunque periodo dell'anno ma è nei mesi invernali che da il meglio di sè.
Ogni anno decorazioni diverse addobbano l'Apple Market e verrete circondati da profumi e da un'atmosfera magica. Quest'anno rami di vischio e mirror balls sono stati appesi alla struttura in ferro e vetro mentre all'esterno una gigante renna argentata sulla slitta diventerà il simbolo di questo Natale. A Covent Garden potete curiosare tra le bancarelle del Jubilee Market o nei negozi delle vie circostanti.

Apple Market

3. Dalla Torre di Londra a St. Paul

Anche questa è una passeggiata molto bella ma molto lunga. Potete, però, decidere di farne solo una parte oppure di dividerla in più giorni. Arrivate alla Torre di Londra (fermata Tower Hill) che potete visitare ed è uno dei punti belli per fare fotografie sul fiume. Proseguite ,poi, salendo sul Tower Bridge che vi porta sull'altra sponda del Tamigi. 
Di questa zona mi piace l'antico che si mescola con la modernità. 
Grattacieli altissimi che fanno da background alla Londra storica.

Tower of London
Tower Bridge

La vista che si ha dalla Torre di Londra è quella della zona di Southwark: il City Hall, realizzato da Foster nel 2002, soprannominato "uovo mal riuscito" è un edificio a 10 piani che ospita la Greater London Authority. Sullo sfondo "The Shard" il grattacielo più alto dell'Unione Europea inaugurato nel 2012 e opera dell'architetto Renzo Piano.

City Hall e The "Shard"

Lungo il Tamigi c'è molto vento ma lo spettacolo è sempre affascinante.
La passeggiata dal Tower Bridge vi porta fino alla zona dei Bourogh Market, la Hays Gallery, Southwark Cathedral fino ad arrivare al Shakespeare's Globe: teatro riaperto nel 1997 dopo che è stato ricostruito utilizzando i materiali originali (legno e paglia).
Se ancora non siete stanchi potete visitare la Tate Modern che si trova proprio a fianco: collezione di arte moderna racchiusa all'interno della centrale elettrica dismessa di Bankside. L'edificio è stato ristrutturato dagli architetti Herzog e De Meuron. La visita è gratuita e potete salire fino al Cafè dell'ultimo piano per godere di una bella vista sulla città.

Tate Modern

Uscendo dalla Tate Modern troverete di fronte a voi il Millenium Bridge,  ponte pedonale di N. Foster realizzato per il nuovo millennio che vi riporta sulla sponda del Tamigi da cui è partita la nostra passeggiata e più precisamente vi porta ai piedi della Cattedrale di St. Paul.
Per me, questo attraversamento è uno dei più suggestivi.
La visita alla Cattedrale è a pagamento. Potete ammirarla gratuitamente durante 
le funzioni religiose mantenendo una certa discrezione.

Millenium Bridge

St. Paul Cathedral

Da St. Paul potete prendere la metropolitana (o bus) e spostarvi in un altro punto della città oppure proseguire a piedi lungo lo Strand, via di negozi, che arriva direttamente a Trafalgar Square.

4. British Museum
Se mi dovessero chiedere di consigliare un solo museo di Londra direi senza dubbio il British Museum: è uno dei più importanti ed ha una collezione ricchissima che va dall'arte egizia all'arte asiatica passando per la Grecia e le antichità romane.
Potete arrivarci con la metropolitana (fermata Russel Square) oppure con i bus.
L'accesso al museo è caratterizzato da un porticato di colonne neoclassiche e quando entrate verrete avvolti dallo spettacolo della cupola in vetro di N. Foster che copre quella che era la corte del museo.
Il mio consiglio è quello di vedere la cupola con la luce del giorno perchè con il buio è meno percepibile e meno di impatto. 

British Museum

Il museo è diviso su tre piani ed è immenso. Potete girare liberamente oppure andare a vedere solo le cose più importanti. Sulla piantina che prendete all'ingresso ci sono tutte le indicazioni.

Cupola in vetro - British Museum

DOVE MANGIARE
Vi consiglio i posti già collaudati nei miei viaggi anche se a Londra c'è veramente l'imbarazzo della scelta tra pub, catene, ristoranti e street food che offrono cibo tipicamente inglese oppure di qualsiasi altra nazionalità:

- The Golden Hind (73 Marylebone Lane una traversa di Oxford Street)
E' considerato il posto dove fanno il miglior fish and chips. Io ho provato la fishcake che è altrettanto eccezionale: una polpettona a base di merluzzo, patate e prezzemolo. La particolarità di questo posto è quella di non servire alcolici ma potete portarli da casa. Prezzi bassi e atmosfera molto semplice.
- Byron Hamburger (33-35 Wellington Street - Covent Garden)
Nella città ne trovate diversi ma io ritorno sempre in quello di Covent Garden.
Gli hamburger sono eccezionali e come patatine vi consiglio le Skin on Chips che sono più sfiziose rispetto alle classiche French Fries. Spesso c'è un po' di coda all'ingresso soprattutto per la cena ma noi un posto l'abbiamo sempre trovato anche senza prenotare.
- Poppies ( 6-8 Hanbury Street - Spietafields Market)
Atmosfera anni '50 (anche le cameriere sono vestite come quegli anni), musica di sottofondo 
e ottimo fish and chips che potete prendere anche d'asporto. Nel 2014 è stato vincitore del The National Fish and Chips Award. Il locale è in una via appena fuori dai mercatini di Spitafields ma all'interno dei mercatini c'è anche un piccolo corner in cui potete mangiare.

Fish and Chips da Poppies

- Nando's (107-108 Wilton Road - Victoria)
Ho messo l'indirizzo del posto in cui sono stata ma Nando's è una catena che trovate dislocata per tutta la città. Se avete voglia di pollo, ali di pollo fritte o carne in generale questo è il posto giusto. Un po' stile messicano : per le pietanze che scegliete dovete indicare il grado di "piccantezza" che preferite.
- Giraffe (35 James Street una traversa di Oxford Street)
Se avete voglia di un hamburger nel bel mezzo di una giornata di shopping questo è il posto giusto.
Ottimi i cocktails e buona anche la fresh lemonade che vi servono in una jar di vetro.

Fresh Lemonade da Giraffe

Quasi tutti i posti in cui siamo stati servono gratuitamente Tap Water (acqua del rubinetto) 
spesso con una fettina di limone. In alcuni posti il servizio non è incluso e quindi vi verrà accreditato al momento del pagamento del conto, in altri posti non ci sono supplementi di costi e in altri ancora vi chiederanno se volete lasciare una mancia (soprattutto se pagate con la carta di credito vi chiederanno se volete aggiungere qualcosa per il servizio al tavolo). Valutate voi cosa fare. 

CURIOSITA'
- a Londra ci sono moltissimi parchi e ancor di più ci sono moltissimi platani non solo negli spazi verdi ma anche per le strade. Platanus x acerifolia è la specie più diffusa che è un incrocio tra la specie orientale e quella occidentale. E' un albero fortissimo, molto resistente alle variazioni climatiche e molto longevo. Se andate a Brunswick Square troverete un platano con una circonferenza di 7 m.

BIBLIOGRAFIA
1. 111 luoghi di Londra che devi proprio scoprire di John Sykes ed. Emons
anche in questo caso, come per Amsterdam, è un libro che ho preso in biblioteca e 
che consiglio solo se già conoscete Londra a memoria e volete fare un itinerario meno turistico 
2. Londra guida Touring Club Italiano
è una buona guida che io ho acquistato qualche tempo fa in edicola. Ci sono anche delle immagini e delle piccole piantine che aiutano a orientarsi nella città.
3. http://www.visitlondon.com/it
è la guida ufficiale della città che vi può essere di aiuto per l'organizzazione del viaggio



Buon viaggio!


giovedì 5 novembre 2015

Yves Rocher_ Sos gambe pesanti

Ogni tanto mi piace avere di scorta una crema che si occupi delle gambe stanche: dopo una lunga camminata, dopo la palestra, dopo una giornata in piedi le mie gambe hanno bisogno di qualcosa di fresco e calmante. Ho voluto provare la crema S.o.s. gambe pesanti di Yves Rocher (200ml) 
che, in genere, è un prodotto che avrei apprezzato anche per contrastare il caldo ma che ho 
trovato adatto per questa stagione e in generale penso sia un prodotto valido per chi viaggia.


E' un fluido verde pastello che regala un effetto ghiaccio alle gambe.
Al suo interno ingredienti di origine vegetale: castagna d'India, ficaria, olio di sesamo, mentolo che uniti vanno a stimolare la microcircolazione e danno un beneficio immediato.
E' un prodotto che non uso tutti i giorni ma solo quando ne ho necessità. Peraltro non trovo che abbia una consistenza idratante quindi mi fa comodo usarlo sono quando sento le gambe molto appesantite.
La profumazione è mentolo puro ed è piacevole da sentire (preferisco però lavarmi bene le mani dopo averla utilizzata). Si stende molto bene e si asciuga in fretta.
La sensazione di freschezza non dura tantissimo ma comunque il sollievo si sente.

p.s. ne ho travasata un po' in un contenitore perchè mi sarà utile nel prossimo viaggio
p.p.s sul retro del flacone indica che non è adatta alle donne in stato di gravidanza

martedì 3 novembre 2015

Rituals_Miracle Balm

Ho acquistato Miracle Balm (75ml 10euro) di Rituals di impulso perchè ero rimasta senza crema mani e volevo provare qualcosa di questo brand. Quando ho cominciato ad usarla, però, mi sono resa conto che più che una crema mani è un balsamo (avrei dovuto capirlo subito dal nome ma al momento dell'acquisto non ci ho pensato). Mi sono, quindi, trovata a fare i conti con una consistenza piuttosto densa e non semplicissima da stendere (tipo crema Neutrogena per intenderci) che sul momento ho pensato si sarebbe rivelato un grande flop.


Sto usando questo crema balsamo da settimane e ne sto trovando solo benefici.
E' bianco-trasparente (contiene Glicerina al primo posto dell'Inci), molto ricco 
ed estremamente nutriente.
All'interno della formulazione Ginko Biloba (in Giappone è simbolo di forza e di vita) e  Lotus Bianco che rendono questo prodotto un vero boost di idratazione, perfetto per mani secche e rovinate. Non è, per i miei gusti, adatto ad essere applicato durante la giornata perchè lascia le mani un po' appiccicose. E' un trattamento che io sto costantemente utilizzando la notte e alla mattina sento che le mie mani hanno ancora un velo di protezione. Viene, infatti consigliato come maschera notturna.
La profumazione è delicata e fiorita.


Forse non è ancora adattissimo per questa stagione ma sarò felice di averlo sul 
comodino nei mesi invernali.

ShareThis

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...